Skip to content
Licensed Unlicensed Requires Authentication Published by De Gruyter February 7, 2008

Una syntaxis Mantica Pitagorica

Salvatore Costanza
From the journal

Una significativa acquisizione, nella cornice della letteratura palmomantica, perviene dal ms. Laur. Plut. XXVIII, 14, che tramanda pure un trattato πεϱι αλλομένων μελων, cap. υξβ′, 462°, ff. 306r-v, vagheggiato da G. Vitelli nell'edizione di P. Flor. III 391 e pubblicato, quindi, da E. Rostagno, che si rivela un gemello del testimone vindobonese, H, censito da H. Diels e presentato quale un ramo della sua tradizione tripartita. Il testo del Laur. permette inoltre di migliorare notevolmente il dettato e la coerenza linguistica della versione H, emendandone i segnali di incipiente collasso casuale. Il Laur. XXVIII, 14 rappresenta del resto un esemplare tipico di codice collettaneo astrologico, vergato negli ultimi decenni del XIV sec., una miscellanea apotelesmatica di epigrafi, pseudepigrafi e adespoti.

Online erschienen: 2008-02-07
Erschienen im Druck: 2005-October-25

© 2005 by K. G. Saur Verlag GmbH, München und Leipzig