Jump to ContentJump to Main Navigation
Show Summary Details
More options …

Byzantinische Zeitschrift

Ed. by Berger, Albrecht


CiteScore 2018: 0.13

SCImago Journal Rank (SJR) 2018: 0.111
Source Normalized Impact per Paper (SNIP) 2018: 0.425

Online
ISSN
1868-9027
See all formats and pricing
More options …
Volume 96, Issue 2

Issues

Katia Tchérémissinoff, Recherches sur le lexique des chroniques slaves traduites du grec au Moyen Âge

Giorgio Ziffer
Published Online: 2008-02-07 | DOI: https://doi.org/10.1515/BYZS.2003.787

La letteratura slava ecclesiastica durante l'intero arco della sua storia vive in primo luogo di traduzioni, eseguite soprattutto, seppure non esclusivamente, a partire da modelli greci. Mentre tuttavia sul piano storico-letterario l'attenzione si concentra per ovvie ragioni sulla produzione originale, in sede di analisi linguistica le opere di traduzione mantengono, o almeno dovrebbero mantenere, un ruolo fondamentale. A questo proposito ci si può addirittura spingere ad affermare che uno dei motivi per i quali a tutt'oggi mancano una storia complessiva e un grande dizionario storico della lingua slava ecclesiastica risiede verosimilmente proprio nella carenza di ricerche approfondite intorno a molte traduzioni slave ecclesiastiche. Su tale sfondo va letto il libro che qui si recensisce, incentrato sul lessico delle versioni di cinque cronache bizantine, composte in ordine cronologico da Giovanni Malala, Giorgio Amartolo, Simeone Logoteta, Costantino Manasse e Giovanni Zonara, e tradotte in slavo ecclesiastico in tempi e luoghi diversi. Come si ricava dalla breve premessa di A. Guillou (p. 3), lo studio di Katia Tchérémissinoff è approdato alle stampe solo dopo un lungo intervallo dalla sua composizione; un intervallo che la bibliografia usufruita, ferma in buona sostanza al 1980, permette di quantificare in vent'anni. Prima di esaminare il volume più da vicino, il recensore purtroppo non potrà non registrare (e lamentare) il numero esorbitante di errori di stampa che coinvolgono anzitutto i nomi degli autori e i titoli delle opere citate, come per es. Bujuklev in luogo di Bujukliev (p. 19, n. 29), Sandelf per Sandfeld (p. 24, n. 37), Aitzemuller invece di Aitzetmüller (p. 30, n. 52); M. A. Meščeskij per N. A. Meščerskij (p. 42, n. 72; e vd. anche p. 98, n. 157); e quindi, “Das slavische Zort für Kirsche” (in luogo di “Das slavische Wort für Kirche”, a p. 149, n. 240), “Costantinopple byzantine” (p. 186, nn. 303 e 304, e passim), “Byzantinische Uhrkundenlehre. I. Die Kaiser Uhrkunden” (p. 196, n. 310), e così via. Dove però deve essere stato il diavolo in persona a metterci lo zampino, è nelle citazioni slave ecclesiastiche nelle quali, nonostante la revisione cui è stato sottoposto il volume (vd. p. 3), gli errori, grandi e piccoli, semplicemente non si contano: il che di certo non agevola il compito del lettore, sia egli più o meno esperto di slavo ecclesiastico.

About the article

Published Online: 2008-02-07

Published in Print: 2004-04-01


Citation Information: Byzantinische Zeitschrift, Volume 96, Issue 2, Pages 787–788, ISSN (Print) 0007-7704, DOI: https://doi.org/10.1515/BYZS.2003.787.

Export Citation

Comments (0)

Please log in or register to comment.
Log in